Sospensione mutui, arriva la proroga per le famiglie in difficoltà

E' stata prorogata al 31 luglio 2012 la possibilità di presentare la domanda per la sospensione delle rate dei mutui, prevista nel "Piano Famiglia dell'Abi". Si tratta della terza proroga e fa seguito ad una nuova intesa raggiunta tra l'Abi e 13 associazioni dei consumatori.

Ricordiamo che l'accordo, risalente a dicembre 2009, prevede (previa richiesta del cliente) la sospensione per una sola volta e per un periodo pari ad almeno 12 mesi, dei mutui garantiti da ipoteca su immobili residenziali destinati all'acquisto, costruzione, o ristrutturazione di abitazione principale, a prescindere dalla tipologia di tasso di interesse contrattuale (fisso, variabile o misto).

Tale agevolazione è stata prevista per le famiglie in difficoltà, le quali devono soddisfare i seguenti requisiti per poter usufruire di tale facilitazione:

- mutuo iniziale (solo se erogato a persone fisiche) non superiore ai 150mila euro;

- reddito familiare non superiore a 40mila euro annui lordi;

- perdita del lavoro, entrata in cassa integrazione o evidenti condizioni di non autosufficienza.

Tali requisiti devono sussistere alla data del 30 giugno 2012, cioè un mese prima del termine previsto per la scadenza delle domande.

Il cliente dovrà presentare l'apposito modulo di richiesta alla propria banca, corredato dalla documentazione che attesti i requisiti necessari alla sospensione. La banca, acquisita la richiesta, si impegna ad attivare la sospensione entro 45 giorni lavorativi dall'accoglimento della stessa. Il cliente può, in qualsiasi momento, chiedere il riavvio dell'ammortamento e in tal caso non può più richiederne la sospensione. Qualora non fossero soddisfatti i requisiti previsti, l'istituto di credito ha l'obbligo di comunicarlo al cliente entro 15 giorni lavorativi dalla presentazione della domanda.

Importante sottolineare che la sospensione non comporta l'applicazione di alcuna commissione o spesa di istruttoria ed avviene senza richiesta di garanzie aggiuntive.

Non va comunque dimenticato che durante il periodo di sospensione gli interessi continuano a maturare, e possono poi essere rimborsati dal cliente secondo diverse modalità, a seconda se la sospensione avvenga per la sola quota capitale o anche per la quota interessi.

Si precisa, inoltre, che sono stati inclusi anche i mutui che presentano ritardi nei pagamenti, purché non superiori a 90 giorni consecutivi, solo nel caso in cui tale ritardo sia avvenuto successivamente al verificarsi degli eventi che consentono di far scattare la sospensione dell'ammortamento (perdita del lavoro, entrata in cassa integrazione o evidenti condizioni di non autosufficienza). Sono invece esclusi dall'agevolazione i mutui con durata contrattuale originaria inferiore a 5 anni e quelli a rata concordata (rata fissa, durata variabile).

 E' possibile, consultare l'elenco delle banche aderenti e le relative condizioni applicate sul sito dell'Abi o chiedere informazioni direttamente all'Ufficio Crediti della Banca della Provincia di Macerata.

cliente bprm mobile

Resta aggiornato sulle novità BPrM

Informativa Privacy

I Suoi dati personali saranno trattati esclusivamente per l’invio, da parte di Banca Macerata SpA, in qualità di Titolare del trattamento, di newsletter e comunicazioni commerciali al recapito da Lei fornito.
La base giuridica per l’invio di comunicazioni commerciali e della newsletter è il Suo consenso espresso, nel rispetto all’art. 6 paragrafo 1, lettera a) Regolamento (UE) 2016/679.
I Suoi dati personali saranno trattati fino a quando deciderà di revocare il Suo consenso o di opporsi al trattamento.
Il Titolare La invita, inoltre, prima di conferire i Suoi dati personali, a visionare l’informativa completa sul trattamento dei Suoi dati personali, rilasciata nel rispetto dell’articolo 13 Regolamento (UE) 2016/679, accessibile al seguente link.

 

Seguici anche su:

BPrM sostiene e collabora con

banca macerata rugby

200x200 LOGO

segugioit

 

BPrM aderisce al

segugioit

 

APP Inbank disponibile su:

INBANK APP

 

APP Notify disponibile su:

INBANK APP

 

Sei una TPP?